Non senza difficoltà (vedi l’articolo della scorsa settimana), presentiamo oggi un reportage fotografico sulla creazione di uno stampo bivalva in gomma siliconica e una copia in resina poliuretanica del pezzo. I problemi dovuti alla catalisi ultraveloce della gomma sono stati risolti considerando la temperatura atmosferica elevata e diminuendo a 3,5% l’indice di catalizzatore da aggiungere alla gomma invece del solito 5%. Fra le foto mancano quelle dell’uscita del master dallo stampo ultimato: si è preferito vivere pienamente l’emozione del momento, piuttosto che restare lucidi e dedicarsi a fare foto (in minima parte ha contribuito anche il fatto che le batterie fossero scariche).

Godetevi le foto e ricordate che come al solito la discussione prosegue su questo post del forum.

Tagged on: